come-il-calcio-sui-maccheroni-300x80bil-paese-dei-farlocchi-diretta streamingimgil-paese-dei-farlocchi-puntate-img

MaxMedda su Facebook

Apr27

Ercole.. su barberi de sa Marina...

ercolefloris
Ci sono persone che non hanno bisogno di avere un cognome… io, che lo conosco da anni, credo di aver saputo il suo solo ieri… lui per tutti era Ercole su barberi de sa Marina….
Pirrese di nascita ma Marineri a tutti gli effetti, dopo una lunga gavetta, negli anni ‘60 comincia la sua attività, dapprima in via Concezione e poi in via Cavour. ”Deu appu incuminzau candu sa Marina fiara prena de piscarorisi, artigiani ma soprattutto de Casteddaiusu…e immoi? Da tanti siam tornati tonti…” ripeteva dispiaciuto per come il quartiere si fosse svuotato… ”attru chi via Cavour.. pareusu in sa Kasbah”  diceva rivolto ai tanti stranieri che affollano il quartiere. La sua non era una forma di razzismo, ma semplice nostalgia di ciò che oramai apparteneva al passato. Nel quartiere era un istituzione, la memoria storica,  pensare di non vederlo con le forbici in mano, che ti fa il resoconto de cussu chi stairi suzzerendi in zona, è cumment’e passai in piazza Yenne e non biri Carlo Felice. 

Nel suo salone, oltre ai diversi quadri che collezionava, non mancavano i gagliardetti storici de su Casteddu de Gigi Riva. Ercole era uno dei pochi fedelissimi che faceva sempre l’abbonamento in tribuna, accant’a a Cellino“Oh Presidente cussu giogarori non serbiri a un accidenti, lo venda prima chi si purexiri” ….perchè lui era così, molto schietto…anche troppo…e deu ndi sciu calincuna cosa. Vicino alla sua attività, c’è un negozio di cornici e, quando mi capitava di portare un mio quadro da incorniciare, lui che era un appassionato di pittura, mi firmara a tipu dogana e mi chiedeva:” fai biri? D’asi fattu tui?” E deu: “si ti piace?”  “Ascurta…non di spendasa dinai in cornici e sighi a fai su comicu chi è mellusu….”. Ne aveva una per tutti, e calincuna borta il sindaco Floris che abita in zona, arrosciu de intendi critiche sul suo operato, arriendi gli diceva: “ attru chi opposizioni oh Ercole tui sesi peusu.”
Una delle ultime volte che l’ho incontrato, chistionendi di un amico un po’ svampito, ma nau: ”e itta di circasa a cussu…non lo vedi che è come un coriandolo sospeso per aria…”
Ci sono persone che non muoiono mai, persone che continuano a vivere nei ricordi e nei racconti di chi ha condiviso con loro una chiacchierata, una parola di incoraggiamento in un  momento di sconforto o semplicemente una battuta divertente.... ed Ercole su barberi de sa Marina era uno di questi.

Max Medda

Posted in Blog Aprile 2012

NOTA! Questo sito utilizza solo cookie tecnici e tecnologie simili. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando sul pulsante "Ok", accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'informativa. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, puoi consultare la informativa cookie completa.

Info